NEWS


Natura

Architettura

Get married

Gente al lavoro

Momenti di vita

Point of view

Fotografia sportiva

Taranto: Mar Piccolo, Circummarpiccolo e ferrovia

Il Mar Piccolo è un mare interno costituito da due seni idealmente divisi dal Ponte Punta Penna Pizzone: il primo seno ha la forma di un triangolo grossolano, mentre il secondo seno ha la forma di un'ellisse, il cui asse maggiore misura quasi cinque chilometri.

Intorno al secondo seno si sviluppa la strada Circummarpiccolo, silenziosa ed immersa nella natura.

I venti e le maree, insieme alle sorgenti sottomarine con diversa salinità, condizionano l'andamento delle correnti di tipo superficiale e di tipo profondo tra i due mari. Nel Mar Piccolo ci sono molte sorgenti sottomarine chiamate citri, che apportano acqua dolce non potabile mista ad acqua salmastra, creando una condizione idrobiologica ideale per la coltivazione delle cozze.

Convento dei Battendieri: edificato dai frati cappuccini nel 1597. I frati battevano le lane per realizzare i sai, utilizzando le acque del vicino fiume carsico Cervaro per lavarle.

Sul Mar Piccolo si trova l'oasi "Palude La Vela". Dal 1996 la palude è stata riconosciuta dal WWF, che ne cura la conservazione ambientale, svolgendo attività di promozione e monitoraggio. Dal 2006 è diventata Riserva Regionale Orientata per la tutela della biodiversità. In questo ambiente di tipo palustre, canneti, macchia mediterranea, ampi acquitrini accolgono una ricca flora di specie interessanti, tra cui le belle orchidee spontanee e diverse piante adatte a vivere negli ambienti salmastri. Si trovano molte specie di uccelli, sia stanziali che migratori: aironi, garzette, spatole, tuffetti, piro-piro, chiurli, volpoche, fenicotteri, avocette e falchi pescatori, nonché il rarissimo Cavaliere d’Italia.

Ferrovia Nasisi - Taranto Arsenale

Linea di interesse prevalentemente militare e merci che circondava il Mar Piccolo di Taranto collegando il deposito munizioni della marina, l'arsenale e la base navale, utilizzata anche per il servizio viaggiatori del personale militare. Lunghezza 18,288 km con scartamento ordinario.

Il primo tratto, da Nasisi al Bivio Arsenale (2,51 km), fu aperto nel 1916 come parte del raccordo Nasisi - Buffoluto. Successivamente, nel 1917 la linea fu prolungata dal Bivio Arsenale fino a Taranto Arsenale.

Anche la chiusura avvenne in più fasi: dal 1967 al 1978.

Molteplici sono gli scorci di eccezionale bellezza che regala la ferrovia di mar Piccolo, uno tra tanti lo si può godere da un particolare pontile in ferro circondato da macchia mediterranea spontanea. Spettacolare anche il paesaggio che si può ammirare dal ponte sul canale D'Aiedda.

marcellodallarena@yahoo.it